GBD canne fumarie

Notizie

CARO INSTALLATORE PROFESSIONISTA:
LO SAI CHE SEI TU IL SOGGETTO ABILITATO ALL'INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DELLE STUFE A PELLET E LEGNA?

LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA' DM 37/08 E' OBBLIGATORIA ANCHE PER QUESTI IMPIANTI

La recente pubblicazione della norma UNI 10683 (ottobre 2013 art. 7.1) ha ribadito l'indispensabile necessità dei requisiti tecnico professionali di cui al DM 37/08 in possesso dell'installatore termoidraulico.

Questo perchè un impianto funzionante a biomasse (principalmente PELLET e LEGNA), è estremamente legato alla sicurezza per verifica dell'idoneità del locale di installazione, del SISTEMA DI SCARICO FUMI, delle prese d'aria e del rischio di incendio di materiale combustibile come i TETTI DEGLI EDIFICI.

Basta quindi ad installatori non in possesso dei requisiti che si improvvisano e che causano pericolo e danni per le cose e per le persone.

GBD ha preparato una gamma specifica di prodotti per realizzare in modo professionale li scarico dei fumi di impianti funzionanti a Pellet e Legna a cui ha dedicato un'intera sezione del sito.

 

Comunicato stampa CONFINDUSTRIA CECED Italia, ASSOFUMI e ASSOCAMINI

 

L'EFFICIENZA ENERGETICA UTILIZZATA COME SCUDO PER UN IMPROBABILE USO DELLO SCARICO A PARETE, UNA BARBARIE ABORTITA.

Non attuabile la presunta liberalizzazione dello scarico a parete negli edifici con l'installazione di caldaie a condensazione.
Milano, 8 gennaio 2013 ‐ La modifica normativa introdotta dalla legge di conversione del d.l.18/10/2012 n. 179 (l. 17/12/2012, n. 221), all’art. 34, comma 53, ha profondamente inciso sul comma 9 dell’art. 5 del D.P.R. N. 412/1993, con un’apparente apertura agli scarichi a parete, andando in tal modo a toccare aspetti attinenti alla normativa igienico‐sanitaria.

La legge contenente "Ulteriori misure per la crescita del Paese", collegata ad alcune misure di risparmio energetico è di fatto inapplicabile per gli scarichi a parete asserviti alle caldaie a condensazione e dimostra come le buone intenzioni del Parlamento, negli ultimi giorni di lavori della sedicesima legislatura, nell'impossibilità di effettuare analisi dettagliate, siano state tradite da un’idea retrograda che ci riporterebbe nel medioevo delle regole, contro ogni concetto di modernità. Nessuna strada è spianata in questa direzione.

Nessuna deroga è applicabile nel caso di apparecchi per il riscaldamento a gas familiare, neppure per quelli appartenenti alla classe di NOx meno inquinante. Infatti, la formulazione dell'articolato di legge restringe ai soli apparecchi a  condensazione di tipo B l'eventuale scarico a parete. Anche in questi casi limitati, ogni fuga in avanti può essere certamente contrastata a livello regionale, provinciale e comunale appellandosi alle norme prevalenti che tutelano la salute pubblica.

Con grande orgoglio, presentiamo il nuovo sito che è stato messo on-line il primo gennaio 2013. Sviluppato con un modernissimo CMS Joomla! personalizzato per G.B.D. Il sito punta a raggiungere l'eccellenza nel Mondo Web, nel quale sempre più, verrà rivolta la strategia commerciale dei prossimi anni.

I punti di forza di questo impegno sono rivolti a migliorare la logica di navigazione, la grafica (utilizzando HTML 5 visibile da tutti i Mobile e Tablet), la SEO e SEF ottimizzando la visibilità tramite i motori di ricerca, la totale compatibilità con i principali browser (Explorer, Chrome, Firefox, Safari, Opera) e piena compatibilità mobile (iOS Apple ed Android).

Grande affluenza all'evento di presentazione della Norma UNI 10683 sulle biomasse tenutosi con CONFARTIGIATATO Imprese di Como presso lo storico centro congressi Don Guanella.

Oltre 120 Ditte Artigiane hanno presenziato approfondendo la struttura di un sistema fumario a servizio dell'impianto a biomassa (Legna e Pellet).

Sono emerse importanti osservazioni in merito al problema della manutenzione legata al rischio di incendio di tetti causato da canne fumarie.

GBD ha presentato i sistemi passaggio tetto ISOBLOCK e DP TETTO che correttamente installati evitano questo pericoloso problema.

Abbiamo avuto quasi quattrocento presenze all'evento di presentazione della norma UNI 10738 che si è tenuto a Milano nella Sala Conferenze Centro Servizi BPM | via Massaua 6.

I relatori hanno presentato la Norma che ha suscitato molto interesse da parte della platea con un forte dibattito sul notevole numero di impianti da verificare e dell'impatto che potrebbe generare sul parco di quasi 30.000.000 di utenze gas (gassoso e liquido) delle quali un'importante percentuale non è a norma.

Non sono mancate anche del critiche da parte degli operatori di settore in merito alle responsabilità e alle competenze di chi dovrebbe intervenire mettendo gli impianti fuori servizio per i casi degli impianti non funzionali.

Pagina 5 di 5